INDEPENDENT LITERARY REVIEW

timmercop

Timmerman: dell’interazione con l’inaspettato

Nel Panorama delle realtà milanesi di fruitori e organizzatori di eventi artistici non può mancare un progetto fresco e dinamico come quello che vi sto per presentare. Si tratta di un progetto di recente realizzazione e ideazione, curato da un gruppo ristretto di persone che conosco personalmente e con cui collaboro e che ammiro oltre a stimare per il processo, la professionalità e l’umanità che mettono in tutto ciò in cui credono, ideano e costruiscono.
6
Uno sguardo “curioso” (e una conoscenza più attenta) da parte del pubblico di “Rapsodia” è quindi doveroso e può essere un incentivo a perseverare nel lavoro che questi ragazzi e ragazze mettono in campo, autogestendo e organizzando eventi sempre molto interessanti e con riscontro di pubblico e seguito molto numeroso e appassionato e in continua crescita. Il nome di questo progetto è Timmerman.

Leggi tutto

balocco

Silvia, Maura e la magia del mondo di “TeatroBalocco”

Ho Conosciuto Silvia e Maura per caso,  sentendone già parlare da svariati amici quando ero ancora in “Oltre Collage”, come papabili membri del nostro collettivo. Poi, un giorno, le ho incontrate imbattendomi sin da subito con i loro lavori. Lavori che godono di uno stile particolarissimo e che hanno soprattutto un utilizzo personalissimo della carta e del collage. È quasi un racconto di fiabe che mi porta a ricordi molto intimi e lontani in cui tutto era gioco e fantastici mondi, un mix colorato e ben contrastato di ciò che le personalità, che sono racchiuse in un progetto qual è TeatroBalocco, caratterizza.
In breve conosciamole un po’ di più con la loro Bio:
Maura Esposito e Silvia Testa, nascono entrambe a Oristano nel 1983, hanno frequentato l’Accademia di Belle Arti di Torino e di Brera in Scenografia, Grafica d’Arte e Nuove Tecnologie per l’Arte. Hanno partecipato come TeatroBalocco a diverse mostre e concorsi. Da molti anni utilizzano il collage come tecnica che racchiude un po’ tutte le loro diverse espressioni.
TeatroBalocco nasce da una loro idea nel 2008 a Torino lungo le rive del fiume Po. La difficoltà di aderire a una sola etichetta fa si che la loro ricerca, da quel momento in poi, orbiti intorno ai più svariati mondi delle immagini, del video, del linguaggio e del racconto.
…e scoprendo cosa hanno risposto alle domande della mia rubrica:

Leggi tutto

cop-2

Alvaro Sànchez: dal Guatemala col suo taccuino dadaista.

Alvaro Sànchez è un artista poliedrico e molto produttivo. Non lo conosco di persona e la nostra conoscenza si limita alle nostre chiacchierate in chat e ai nostri continui scambi di visioni e di gusti all’interno del mondo del collage. Tutto questo non gli ha impedito di esercitare un certo fascino nei miei confronti in quanto alla sua provenienza. Mi spiego meglio, reputo molto affascinante personalmente l’atmosfera, la creatività e i contenuti presenti in molte opere sue e non, provenienti dall’America Latina e Alvaro ne è proprio un degno rappresentante e “sognatore” con un personalissimo tratto caratteristico. Alvaro Sànchez nasce nel 1975 ed è un graphic designer autodidatta e artista che abita a Città del Guatemala.
15182485_978094482294650_1991183043_o
Ha collaborato e pubblicato su riviste d’arte e design di tutto il mondo. I suoi lavori sono stati esposti, tra tutti, in paesi come: Italia, Francia, Germania, Spagna, Stati Uniti d’America, Costa Rica, Ucraina, Svezia, Norvegia, Grecia e Guatemala. Il suo lavoro si basa principalmente su collage digitale e Analogico. L’amore per il materiale vintage o d’epoca è di grande rilevanza per creare le texture e forme della sua arte. La maggior parte delle sue opere sono ispirate dalla letteratura, dalla pittura, dalla musica e dal cinema, ma la sua ispirazione principale è rappresentata da Città del Guatemala e dalle sue strade. Di più, Alvaro scrive di musica su magazine e media digitali.
Eccovi le sue risposte alle domande della mia rubrica, gustatevele tutte e, se volete, ritrovatevici:

Leggi tutto

  • Franz-Samsa.jpeg
    Franz Samsa
  • Mark-Watkins-Do-you-Wanna.jpg
    Mark Watkins - Do you Wanna
  • Marta-Uceda-27.jpg
    Marta Uceda
  • Phil-Carney-love-letters-lost.jpg
    Phil Carney - Love Letters Lost
  • Marta-Uceda-10.jpg
    Marta Uceda
  • Imad-Habbab-The-Anciant-Flavor.jpg
    Imad Habbab - The Anciant Flavor
  • Imad-Habbab-Heroes.jpg
    Imad Habbab - Heroes
  • Teatro-Balocco-I-MONTI-NASCONO-DAGLI-ABISSI.jpg
    Teatro Balocco - I monti nascono dagli abissi
  • Jacob-Banaz.jpg
    Jacob Banaz
  • Jack-Kid-Please-Dream-My-Silouette-for-Ryosuke-Cohen.jpg
    Jack Kid - Please Dream My Silouette for Ryosuke Cohen
  • Jack-Kid-For-Lutz-Wohlrab.jpg
    Jack Kid - For Lutz Wohlrab
  • Richard-Hricko-Snow-II.jpg
    Richard Hricko - Snow II
  • Alvaro-Sanchez-commodification.jpg
    Alvaro Sànchez - Commodification
  • Alvaro-Sanchez-soultobrain.jpg
    Alvaro Sànchez - From Soul to Brain
  • Antonio-Occulto.jpg
    Antonio Occulto

Selected Artworks

In this gallery you will find all the artworks carefully selected by our visual art staff through the generic call for artists. This gallery is updated without any periodicity.

Leggi tutto

bro_cop

A CERTAIN BROMANCE

Il nostro duo preferito, The Last Shadow Puppets, torna il 2 dicembre sulla scena musicale con un nuovo EP che prenderà il nome dall’ultima traccia dell’album “Everything You’ve Come To Expect”: “The Dreams Synopsis EP”.

the_shadow_puppets_the__dream_synopsis_ep_packshot

Il disco si compone di 6 tracce registrate in studio, di cui 2 riproposizioni di due pezzi dell’ultimo album e 4 cover:

Leggi tutto

15051962_965636763540422_1010659374_o

Phil Carney: tra pulp e noir il collage rétro

Ho conosciuto Phil Carney in rete diverso tempo addietro nelle mie peregrinazioni per le tortuose e molteplici strade che formano il mondo del collage e mi è sembrato da subito un ragazzo “a posto”, curioso e pieno di inventiva. Mi piacciono i suoi lavori perché denotano una personalità viva e resistente alle “intemperie” della vita e perchè sono pregni di malinconia e stile rétro. Phil Carney ha 29 anni e vive in una città chiamata Bletchley in Gran Bretagna. Crea collage analogici da circa 3 anni esponendoli a Milton Keynes, a Manchester e presso la scuola delle arti di Winchester . Al di fuori della Gran Bretagna ha esposto a Lione in Francia, presso Il Museo di ontologia a Santa Fe, nel New Mexico e presso il Museo Strathroy in Canada. Ho posto alcune domande “format”, che avevo già posto a Franz Samsa nella precedente intervista, perchè voglio che questa sezione dedicata al mondo del collage sia facilmente leggibile e comparabile da chi legge e si avvicina al “nostro” mondo in modo da creare una rubrica dedicata. Ora lascio la parola a Phil e alla lettura del suo mondo tutto particolare, buona lettura a tutti e tutte:

Leggi tutto

680_57839bf30233c

Il jazz è vivo e sta bene: il quartetto Aziza al Bologna Jazz Festival

Martina D’amico ci racconta le sue impressioni sul concerto che si è tenuto due giorni fa all’Unipol Auditorium di Bologna nell’ambito del Bologna Jazz Festival. La all star band di Dave HollandChris PotterLionel Loueke ed Eric Harland ha incantato il capoluogo emiliano.

Sembra quasi surreale pensare di poter avere davanti agli occhi, nello stesso momento, quattro dei migliori jazzisti del panorama internazionale cimentarsi in composizioni originali; eppure Leggi tutto

4

Franz Samsa: l’arte e l’orgoglio di “fare” collage

Voglio presentarvi, dopo averlo incontrato in una umida e fredda serata milanese, Mirko Pugliara in arte Franz Samsa.
franz_samsaFranz è un collagista italiano che nasce nel 1982 a Siracusa. Si è formato all’Accademia delle Belle Arti di Bologna per poi iniziare a dipingere nel 2002. Nel 2014 inizia ad usare la tecnica del collage, facendola diventare una sua cifra distintiva molto forte. Alla fine del 2015 entra a fare parte del collettivo italiano “Oltre Collage”. Nel 2016 ha esposto i suoi quadri alla mostra Internazionale “Collagism, a Survey of Contemporary Collage” organizzata da Kolaj Magazine, presso il museo canadese di Strathroy. Inoltre ha collaborato con i più grandi artisti di collage del momento come André Bergamin (Brasile), Martin Carri (Argentina), Fred Free (Usa), Bill Noir (Francia).
Ecco chi è Franz Samsa, buona lettura a tutti e tutte:

Leggi tutto

1 2 3 5
Vai sopra