Rapsodia è una rivista di arte e letteratura fondata nel 2014 che raccoglie opere di autori emergenti edite e non, per farle confluire in un progetto di promozione artistica dei contenuti di ciascun elaborato. Rapsodia rifiuta uno schema fisso, mette insieme spunti sempre diversi tra loro per armonia e ritmo donando al tutto un sapore di laboratorio artistico e improvvisazione compositiva.

Rapsodia si occupa di letteratura contemporanea. Oltre ai lavori degli autori emergenti saranno inseriti anche approfondimenti dedicati a noti autori contemporanei. Altri autori non contemporanei saranno trattati nella misura in cui il significato delle loro opere e della loro vita sia contestualizzabile nella contemporaneità.

Rapsodia non ha un orientamento politico e una categorizzazione sociale, non appartiene a cricche o comitati d’affari.

Rapsodia appartiene al pensiero libero: non esistono rapsodi senza spettatori e Rapsodia non avrebbe significato senza i suoi lettori.


RAPSODIA is an arts and literature magazine founded in 2014 that collects works by emerging authors, published or not, to merge them into a project of artistic promotion of each processed content.

RAPSODIA refuses a fixed pattern and brings together hints always different from each other in harmony and rhythm, giving the whole a flavor of art laboratory and extemporaneity.

RAPSODIA deals with contemporary literature. In addition to the work of the authors, also emerging insights dedicated to well-known contemporary authors will be included. The magazine also welcomes works by foreign authors (anglophone and francophone) that will be translated into italian to encourage the circulation of their works. Other contemporary authors will be processed to the extent that the meaning of their work and their lives would reflect in the contemporaneity.

RAPSODIA has no political orientation and social categorization, it doesn’t belong to cracks or business committee.

RAPSODIA belongs to the free thought: there are no RHAPSODISTS without spectators and RAPSODIA would have no meaning without its readers.