Category archive

Letteratura

Queer Fest // 15.12.18

cover_rapso18_reprint pag2

Il 15 dicembre Rapsodia sarà parte del QUEER FEST, evento organizzato dal Circolo Arci Sottoscala9 di Latina. Per l’occasione abbiamo ristampato in edizione speciale e limitata Rapso n.18, numero a tema Queer originariamente stampato in occasione di Fruit Exhibition 2018. Ci troverete al Sottoscala9 con un banchetto tutto dedicato a Rapsodia: magazine cartaceo, poster, cartoline e tanto altro! Vi aspettiamo!

Leggi tutto

Il sogno dell’albero

1 Apnavi Thacker, Drawing Breath XXXIX

S’aggrappa al cielo l’albero coi rami, come se il cielo potesse sorreggerlo davvero, oscillante in lento, armonico dondolio. Verdeggia sopra la gloria dei campi, silenti testimoni dei giorni arroventati. Leggi tutto

Fra voce e parole – Intervista al poeta Claudio Pozzani

pozzaniignani

Poeta dalle mille risorse, performer, romanziere e direttore artistico, Claudio Pozzani è nato a Genova nel 1961, dove vive tuttora. La sue opere, in prosa e in poesia, hanno riscosso successo in Italia e all’estero, anche grazie alle sue particolari performance poetiche. Questa è l’intervista che mi ha rilasciato il 24 maggio 2018 a Montreal. Leggi tutto

Il fiume

3 Fernando González

Ero il luogo

l’alveo largo e complice

dove avresti dichiarato la resa al sonno. Leggi tutto

Differenza ed estetica digitale: il Glitch

Bill-Viola-Information-1973

1.

Una poetica dell’errore è la dimensione alla quale, l’intervento dell’essere umano, destina l’opera tecnicamente identificabile come Glitch. L’intervento esterno, volto a provocare un errore all’interno della trasmissione dei dati, genera la messa in evidenza del codice che sottace all’immagine ultima, degradandola. Leggi tutto

Pre-order Rapso 19, The Aesthetics of the Error

RAPSO19_MOCKUP

 Con estetica dell’errore s’intende dar rilievo a tutte quelle manifestazioni di esaltazione del difetto che si ritrovano all’interno della scrittura (dalle anomalie e discrepanze linguistiche alle alterazioni di significato) e delle arti visive (analizzando la presenza del glitch nell’arte digitale) attraverso l’intervento della manipolazione elettronica, del pixel decomposing e, più in generale, della corruzione di dati informatici quanto linguistici. Un elogio dell’irregolarità tramite tutte le interferenze che l’hanno generata.

Leggi tutto

Ero fermo

Run

Ero fermo e ti guardavo da dietro il vetro. Docili prima della partenza eravamo entrambi, docili nell’attesa. Io rimanevo dietro il vetro e tu dall’altra parte. Leggi tutto

La voce dell’innocenza

32 Tres Roemer

Era la voce dell’innocenza, l’elegia della verità, l’apologia del più alto sentire.

Ma l’hanno zittita con gesti insofferenti e di rabbia. L’hanno percossa e abbandonata sul ciglio, rotolata sui massi, ingiuriata la memoria, mistificati la tradizione e il ricordo. Leggi tutto

Intorno all’albero alto si balla

61 Vero Firidolfi

Alla luce densa espongo le mie ossa e i muscoli che le ricoprono per poterli vedere e riconoscere come parte del mio corpo. Alla luce che diffonde le promesse del giorno alzo le mani e guardo. Mani di uomo, fatte per il lavoro, costruite secondo una struttura prensile e opponibile per compiere azioni complesse. Guardo il petto dentro il quale si espande il respiro. Lo vedo da sopra e soltanto in parte. È il luogo che preme più forte, che spara di gran cassa, esalta, uccide e rilancia più in alto. Si contrae come un mantice. È la membrana a pieghe di uno strumento attraversato dall’aria. Latra e respira. Riannoda e compone insieme note atmosferiche, nenie velate che si sfaldano a grani. È voce dal ventre e di petto, vibrante di interferenze grasse. Leggi tutto

1 2 3 5
Vai sopra