bias

Il mondo onirico e colorato di Valentina Biasetti

Oggi vi presento un’artista che solo fino a un certo punto ha a che fare con il collage in quanto può essere considerata un’illustratrice o pittrice che utilizza, però, un metodo compositivo che si avvicina molto a quello utilizzato da un collagista. Sono rimasto colpito sin da subito dalle sue creazioni proprio perché l’artista in questione si propone e crea arte in una maniera molto simile alla mia, nonostante i soggetti molto differenti e una atmosfera a volte molto fredda e didascalica (a tratti “fastidiosa”) ma piacevolmente armoniosa e carica di emozioni.

16651855_1042519275852170_1928240107_n

Sto parlando di un mio gusto personale da profano ma Valentina Biasetti, questo è il suo nome, ha avuto la capacità di colpire immediatamente nel segno con le sue creazioni a metà tra il didattico e l’onirico con i suoi colori vivi e “sparati”, con un tratto molto netto.

Vi introduco quindi a ciò che è in lettere Valentina e la sua storia e percorso artistico:

Valentina Biasetti nasce a Parma il 21 marzo 1979 e frequenta l’Istituto d’Arte “Paolo Toschi” di Parma diplomandosi in Grafica Pubblicitaria. Dopo un anno trascorso in uno studio grafico, il suo chiodo fisso per il disegno la porta a vagare per le strade dell’arte. Proprio per questa ragione, quando qualcuno le chiede quale sia la sua professione, lei risponde: “camminatrice indipendente”. Frequenta e conclude l’Accademia di Belle Arti di Bologna acquisendo l’Attestato finale di Scuola di Pittura.

Scrive di sé:

Le figure che disegno su carta o su lenzuolo intelato si muovono nella solitudine di uno spazio vuoto, relazionandosi unicamente con il colore, il gesto pittorico o le costruzioni geometriche. Pieni e vuoti sono un tentativo di contatto e dialogo tra le figure che cercano un’intesa intima tra loro pur restando sospese in una scala temporale, come se fossero istantanee scattate in momenti differenti che trovano pretesto di vicinanza solo nell’immaginazione: un ponte immaginario per un Luogo chiamato “Altrove”.

Dal 2002 ha avuto inizio la sua attività espositiva principalmente in Italia (Ferrara, Firenze, Vicenza, Reggio Emilia, Biella, Venezia, Rubiera, Lanciano, Milano, Scicli, Benevento, Gaeta, Bologna, Brescia, Livorno, Parma, Modena e Padova) e, nel suo percorso, ha rilasciato molte recensioni e interviste su diverse rubriche e riviste dedicate, curandone in qualche caso anche copertine. Ecco, in breve, l’identikit di Valentina Biasetti e del suo mondo artistico e creativo.

Se volete saperne di più, vi invito a contattarla di persona: Email | Facebook

Grazie a tutti per la vostra continua e amorevole attenzione ci diamo appuntamento al prossimo capitolo della mia rubrica dedicata all’arte qui su Rapso!

Walter Paganuzzi.