Lunarte 11

Lunarte 11, il festival che fonde arte e territorio

Il programma dell’undicesima edizione del Festival – ha dichiarato l’organizzazione – gioca sul rapporto tra 1 e 1, inteso come incontro, un universo e un altro, relazione tra artisti, scambio tra territorio e sperimentazione. Lunarte si conferma, quindi, sempre di più come un momento in cui i linguaggi dell’arte e le energie del territorio, si incontrano in un’eccezionale sinergia. Undici anni di magici incontri tra arte e culture in un territorio che continua a crescere insieme a noi.”

Lunarte torna il 26 agosto a Casanova di Carinola per la sua undicesima edizione.
Un’intera nottata tra i vicoli e le piazze del borgo Carani, che ospiterà concerti, mostre, performance teatrali e sfizi enogastronomici. Il filo conduttore di questo particolarissimo festival è la spiccata energia artistica che si scatena in tutte le sue forme e si radica nell’intensa presenza del territorio.
È l’arte che si tocca con mano, nella più aptica delle percezioni.

 

Lunarte, 2016
Lunarte, 2016


Il festival sfiora l’universo artistico attraversando variabilissime prospettive: dalle rivisitazioni dei classici –
Ritratto, una performance speciale liberamente ispirata a Il ritratto di Dorian Gray; Mab A’ Janara tratto dallo shakespeariano Romeo e Giulietta; Partita Penelope, un connubio tra poesia e performing art ispirato all’Odissea di Omero – alle più sperimentali performance, come Crash performance per spettatore solo, che si rivolge ad un solo spettatore per volta, all’interno di un automobile.
Si toccano anche le più tradizionali maschere del teatro con
Tre cunti e tre canzoni, spettacolo itinerante che rimanda agli stereotipi della commedia dell’arte, oppure Undici, appartenente allo stesso mondo ma focalizzandosi sul territorio di Casanova di Carinola.

Ma la tradizione si fonde con la sperimentazione e con il linguaggio del mondo underground passando attraverso artisti come Bambi Kramer, il collettivo Ayalab e i partner CRACK! Fumetti dirompenti e UE’ underground eccetera, che assieme a molti altri artisti occupano lo spazio delle mostre e dei progetti speciali – come il laboratorio di serigrafia live presentato dal Churma Lab.

Lunarte si colora di movimenti, di arti visive, di letteratura e di musica: saranno i cortili, infatti, ad ospitare brevi concerti allietando il pubblico che passeggia tra uno spettacolo e l’altro, spaziando tra culture e generi diversi tra loro.

Lunarte, 2016
Lunarte, 2016

Il mondo di Rapsodia s’immergerà in questa stimolante realtà artistica collaborando con il festival e supportando tutti gli artisti che ne fanno parte. L’ultimo numero della rivista, in edizione limitata, verrà presentato al pubblico durante la serata.

Anche quest’anno Lunarte fonderà assieme arte, cultura e territorio in uno dei festival più caratteristici, unico nel suo genere e ricchissimo di spettacoli, musica, mostre e performance che accoglieranno calorosamente il pubblico dalle 20.00 fino a notte fonda.

Latest from Arte

RAPSOBDAY

Rapso Birthday!

In occasione del terzo compleanno di Rapsodia stiamo raccogliendo versi e immagini
Vai sopra