37005296_2112099208862106_6237534472305115136_n

Of YouTube algorithms and math rock: an interview with Clever Girl

Oh no, I ended up in the math-rock part of YouTube again!”. I remembered having read this sort of comment on the full album by a math-rock group.

Have you ever lost yourself in the stream of consciousness that the related videos of YouTube are? You just start with the most popular American Football song, you end up listening to an EP by five Sheffield guys with a velociraptor on the album cover. It strikes a chord, you buy it on Bandcamp, you listen to it for years while driving.

No Drum and Bass in the Jazz Room has crossed 1 million streams all over the world, due to the algorithm which cryptically links one video to another. Music masterminds didn’t trace out the phenomenon, and as a result didn‘t feed it.

37005296_2112099208862106_6237534472305115136_n

We contacted Sam Weatherald, Clever Girl composer and guitarist, and we had a little chit chat on the EP and the significance of his adventure with the rest of the band.

The interview took place in February 2017. At this very time you can preorder the vinyl No Drum and Bass in the Jazz Room, which will be released on November 23rd. The first pressing of the vinyl sold out on the first day of release.

Sam Weatherland, Who is Clever Girl? How were you formed?

Clever Girl is composed of Sam Weatherald (me, the guitarist), Luke Hamilton (drums), James Bailey (guitar), Tom Gelber (bass) and Duncan Robinson (sax).

We got together in Sheffield, England, in late 2009. We were all at university there, apart from Luke. I had been performing for a few years with a more commercial indie band. I was trying to become famous, but I wasn’t really into that kind of music. I’d rather play music with passion than writing hit songs. Ironically Clever Girl ended up being much more popular than my old indie band. James and I had just started making music, and then I called Luke, an old friend of mine and bandmate, Tom, my flatmate, and Duncan. We performed live for the first time in 2010, then we split up in the summer, after several concerts and the EP record.

Things got increasingly well… and who knows how we could have progressed if we stuck with it, but a few of us had plans to leave Sheffield that year. I was going to live in Japan! When we split up basically no one apart from a bunch of people in Sheffield had heard of us, and it seemed that was that. When we released the EP we joked by saying that ‘By popular demand, Clever Girl is getting back once again with its pretentious music!“. We couldn’t imagine fans would demand us to reunite after a decade down the line.

I discovered your music through YouTube, while looking for math-rock records (at the time I was really into TTNG, Don Caballero, Totorro and I looked for related videos on YouTube). How would you describe your genre?

Ha! Difficult one. I usually describe it as a jazzy instrumental rock. Genre wise people like to pigeon hole us variously as math rock / post rock / emo or (my favourite) ‘twinkle core’, which apparently according to some reddit forum we are a prime example of! It’s funny to see how people have this need to categorise everything. It‘s music, innit!

Was “No Drum’n’Bass in the Jazz Room” influenced by any particular artist?

A big influence for us was an American 90’s band named Pele. I remember that the first time I listened to their record Elephant I decided to change completely my guitar style over night! Canadian band Do Make Say Think were also a big influence for me. In particular, their use of brass made me want to get Duncan involved. Luke and I were also into lots of smaller UK based bands – some coming out of Derby, like The Jesus Years / The Little Explorer / Plans & Apologies, which I highly recommend. Actually I think The Little Explorer toured with an Italian band called Fine Before You Came. All these bands played melodic and intricate guitar parts and were often rhythmically complex but also emotionally heartfelt (rather than just complicated for the sake of it like some math rock bands). Most of all, they were also instrumental, which I particularly like as you can attach whatever personal meaning to it, without being constrained by the lyrics. All of these resonated with me a lot in that emotionally intense teenage period when you first get really into music. We were all also into more electronic music, particularly ambient stuff such as Four Tet and Bonobo.

Where and when did you compose? How did you record?

The process took 3 steps. James and came up with guitar ideas on our own, then we played together, finally we brought them to band practice where we developed them further. The final result was very much collaborative. One song (Sleepyhead Symphony) was actually a new version of a song I wrote for a previous band back in high school with Luke, Grab Head Lift Leg. We recorded them at Rec and Play studio in Sheffield, in June 2010, with sound engineer Chris Walker. He did an amazing job both in recording and mixing. The result was great. We also honed some of the songs in the recording process, Teleblister in particular, in which we used multiple sax lines to create an epic finale to the EP.

The title of the record is pretty good indeed. But what does it reference? If it’s an internal joke, what do you think about it reaching an audience that big?

I lived with Tom in a big shared house in Sheffield, with a basement where we used to practice. We also had great house parties there… the basement became the Drum & Bassment – our buddies were drum & bass DJ’s (are you familiar with d&b? It‘s a kind of frenetic underground dance music which started in the UK). My room was upstairs and we decided it would have become a chill out space at parties, where a more mellow music to play. At some point I put up a sign reading No Drum & Bass in the Jazz Room on my door to make this clear. Actually it proved quite controversial! So this is the reference. It became the title of our first ever song, which didn’t make it onto the EP – so we decided to use it as the EP title. Simple as that, not a particularly deep meaning. In my mind it kind of mocks the tendency we have to want to control, categorise, and even identify our personalities with certain types of music though.

The first cover I saw for the EP was the Jurassic Park-inspired picture of the velociraptor playing with a Rubik cube, and I didn’t like it. When I looked for the album on Bandcamp, I found the beautiful picture of a building that was the original cover for the record. Can you tell us more about it?

The fact is we don’t have an ‘original cover’ for the record. We will have it hopefully soon when it‘s finally released. The ’artwork’ on band camp is just the old picture of a sunset I took of through a frosted glass in my childhood home. The raptor picture is actually a T-shirt design we found on the Internet while searching for ‘Clever Girl’ – Luke in particular loved it as he’s really into Rubik’s cubes. I think it‘s a great image – but it‘s not ours… I think we used it briefly as our profile picture on Facebook. Then someone put it on YouTube, and people ended up assuming it was our original artwork… I imagine the T-shirt company has probably made a decent profit from people buying it thinking it‘s ours!

4412187

I do think the raptor image was somewhat helpful in terms of helping the music go viral on YouTube… It‘s a memorable and eye-catching image which I think a lot of people just clicked on in the side bar to see what it was! Does it identify our music? I don’t know. We don’t take ourselves too seriously, and it‘s also nice to have a reference to the original inspiration for the name ‘Clever Girl’ (the line from Jurassic Park). But it is funny how the image has come to be associated with us now when actually we had nothing to do with designing it. I’d love to find out who did…

How did it feel when, as you said, “emo teenagers from Chile” became your fan through YouTube? Do you know who put the record on the internet in the first place?

No idea who put it on the first place – it wasn’t us, we just had it up for free download on MySpace originally. We only noticed it was doing well on YouTube a few years after we split up. There was one particular upload of the EP which got almost a million views from some Japanese guy who uploaded loads of full EPs by bands like us – it’s been deleted now though, presumably due to copyright infringement. Pretty gutted actually… that video was the one that built up our fan base worldwide! I think the moment we released our music happened to coincide with an era of obscure music going viral thanks to YouTube and Reddit… we literally did nothing to promote it ourselves. It was amazing to see people starting to get into our music from all over the world (from Chile to Russia, to Taiwan), and to receive all sorts of intense fan mail from people whose lives had been genuinely touched by our music. My favourite was this guy from the US who sent us a message via Band Camp just saying:
I took 2.5 tabs of acid and this changed my life. I followed it up with him and he told me the whole story of him going through some really hard times after his mother’s death and all the troubles with his relationship, and then having some sort of huge emotional breakthrough while listening to the EP on acid. So amazing and satisfying to read that. Speaking personally, I’ve also been through a really difficult time in my twenties with depression – but it always really helped me to remind myself that there are people out there listening to our music and getting something deep and soul nourishing from it. We put our heart and soul into the music and it seems like some of that was successfully communicated to people, without words, which is beautiful.

What is Clever Girl doing right now? What plans for the future?

We are all individually pursuing our various careers and life paths. I’ve just had a baby and I work as a community organiser for Sunday Assembly, a secular church. James runs a posh coffee shop. Luke is a data analyst and disco DJ (I’m pretty sure he’s into vintage Italian disco actually…), Tom is a doctor and Duncan a journalist. So we’re all pretty busy. We’ve been talking about reforming for a few shows and releasing the EP on vinyl for about three years now, it seemed like it was going to happen last year but life got in the way (literally – my partner became pregnant). We’re hoping to do it this year though, could be as soon as May… stay tuned! (Ed. – The vinyl is finally available in preorder for Barely Legal Records).

Traduzione italiana

Oh no, sono finito di nuovo nella parte math-rock di YouTube!“. Ricordo di aver letto questo commento sotto un full album di qualche gruppo appartenente al genere.

A chi non è capitato di perdersi in quel flusso di coscienza totalmente incontrollato he sono i video correlati di YouTube? Inizi cercando la canzone più famosa degli American Football, e finisci ascoltando un EP di 5 ragazzi di Sheffield con un velociraptor in copertina. Ti colpisce veramente tanto, lo acquisti su Bandcamp, lo metti in auto, lo ascolti per anni.

No Drum and Bass in the Jazz Room è un EP che, attraverso il criptico sistema che associa un video ad un altro del contenitore di Google, ha superato il milione di ascolti cumulativi da tutto il mondo, senza che le menti dietro la musica riuscissero a tenere traccia di questo fenomeno, e soprattutto senza che lo alimentassero, o avessero intenzione di farlo.

Abbiamo contattato Sam Weatherald, compositore e chitarrista dei Clever Girl, per una chiacchierata sull’EP e su quello che ha significato per lui l’avventura con la band. L’intervista risale al febbraio scorso, e proprio in questi giorni è disponibile in preorder il vinile di No Drum and Bass in the Jazz Room, in uscita per Barely Regal Records il 23 novembre, che ha già esaurito la prima tiratura nel giorno stesso dell’annuncio.

Chi sono i Clever Girl? Come si sono formati?

I Clever Girl erano (o sono): Sam Weatherald (io, chitarra), Luke Hamilton (batteria), James Bailey (chitarra), Tom Gelber (basso) e Duncan Robinson (sax).

Ci siamo formati a Sheffield, Inghilterra, verso la fine del 2009. Eravamo tutti all’università lì, tranne Luke. Io suonavo in giro da qualche anno con una band indie più commerciale, provando a diventare famoso, ma non era il genere di musica che avrei voluto suonare, avrei preferito suonare musica puramente per passione, invece che provare a scrivere qualche hit (ironicamente i Clever Girl hanno finito per diventare molto più conosciuti della mia vecchia band indie!). James e io abbiamo iniziato a suonare, poi ho chiamato Luke, un vecchio amico con cui ho suonato in diverse band crescendo, Tom, il mio coinquilino, e Duncan. Abbiamo suonato dal vivo per la prima volta nel 2010, e ci siamo sciolti nell’estate, dopo aver suonato diversi concerti e dopo aver registrato l’EP.

Le cose andavano molto bene, e nessuno sa cosa sarebbe successo se avessimo insistito con la musica, ma avevamo in programma di lasciare Sheffield quell’anno. Io mi sono trasferito in Giappone! Quando ci siamo sciolti, nessuno ci aveva mai sentito fuori da Sheffield, e sembrava tutto finito lì.

Una volta pubblicato l’EP online scherzavamo spesso dicendo “a grande richiesta, Clever Girl torna ancora una volta per portare alle masse musica pretenziosa!”. Non avremmo mai immaginato che ci potesse essere questa enorme voglia da parte di un pubblico qualsiasi di vederci di nuovo insieme, a quasi un decennio di distanza!

Ho scoperto la vostra musica con Youtube, mentre cercavo dischi math rock (ero molto preso da TTNG, Don Caballero e Totorro, e guardavo spesso tra i video correlati). Ma come descriveresti il vostro genere?

Questa è difficile! Di solito dico che è un rock strumentale molto jazzy. Gli ascoltatori ci vogliono inserire in un genere come math rock, post rock, emo, oppure (e questo è il mio preferito) twinkle rock. A quanto pare, secondo una discussione su Reddit, ne siamo il miglior esempio mondiale! È divertente vedere come le persone vogliano catalogare tutto. È musica, no?

Ci sono artisti in particolare che hanno influenzato No Drum and bass in the Jazz Room?

Per me, una grande influenza sono stati i Pele, un gruppo americano anni ’90. Mi ricordo la prima volta che ho ascoltato Elephant, ho immediatamente cambiato modo di suonare la chitarra. Anche i canadesi Do Make Say Think sono stati una grande influenza, soprattutto l’utilizzo dei fiati, che mi ha fatto includere Duncan nella band.

Poi io e Luke apprezzavamo molti gruppi inglesi del circuito underground, come The Jesus Years, Plans & Apologies, The Little Explorer, che vi consiglio caldamente! Credo che questi ultimi abbiano suonato con gli italiani Fine Before You Came. Tutte queste band suonavano parti di chitarra intricate ma melodiche, spesso complesse ritmicamente, ma molto sentite. Soprattutto, erano quasi tutte strumentali, una cosa che mi piace molto: in questo modo puoi dare un significato molto personale ai pezzi, senza necessariamente venire guidato dal testo. Durante la mia adolescenza, questo mi colpiva molto, ed è il periodo della vita in cui ti innamori veramente della musica.

In più ci piaceva molto la musica elettronica, perlopiù ambient come Four Tet o Bonobo.

Dove e quando sono state scritte le tracce? Come sono state registrate?

Di solito era un processo in tre passi. Io e James avevamo delle idee sulla chitarra, poi suonavamo insieme, e infine portavamo questi pezzi alle prove, dove avremmo continuato a svilupparli. Il risultato finale è molto collaborativo. Una traccia (Sleepyhead Symphony) è in realtà una canzone che avevo scritto per un’altra band con Luke.

L’EP è stato registrato al Rec and Play Studio di Sheffield, a giugno 2010, con il sound engineer Chris Walker, che ha fatto un ottimo lavoro sia nel registarci che nel mixare i brani, e il risultato finale è grandioso. Abbiamo inoltre affinato alcuni pezzi anche in studio. Ad esempio c’è una tromba registrata da Andrew Nesbitt su Ohmygodiloveyoupleasedontleaveme. Su Teleblister invece ci sono più linee di sax per creare un finale che fosse epico per l’intero EP.

A cosa si riferisce il titolo dell’EP? Se è uno scherzo tra di voi, cosa pensate del fatto che abbia raggiunto un pubblico così grande?

Vivevo con Tom in una casa condivisa con altri studenti, dove provavamo anche, nel seminterrato. Era anche il posto per le feste. Il seminterrato era chiamato Drum and Bassment, perché altri coinquilini erano DJ di d’n’b. La mia camera era al piano superiore, e decidemmo che sarebbe diventato uno spazio per rilassarsi durante questi party, dove c’era musica più tranquilla. Misi questo cartello, con scritto “No Drum and Bass in the Jazz Room” sulla porta. Era anche il titolo della nostra prima canzone, poi scartata.

In realtà non è niente di profondo! Tuttavia, nella mia idea, dietro il cartello c’era una parodia della tendenza che abbiamo tutti per controllare, categorizzare, e anche identificarci personalmente con dei generi musicali precisi.

La prima copertina che ho visto per l’EP era un’immagine di un velociraptor che gioca con un cubo di Rubik, e non mi era piaciuta. Su Bandcamp ho trovato un’altra copertina del disco. Ci puoi raccontare di più di queste immagini?

In realtà non esiste una copertina originale del disco. L’artwork di Bandcamp è solo una vecchia foto che ho scattato, del tramonto attraverso una finestra congelata a casa mia.

Mentre l’immagine del dinosauro viene da una t-shirt che abbiamo trovato su Internet cercando Clever Girl. Luke è innamorato dei cubi di Rubik, l’ha apprezzata subito. È un’immagine fantastica, ma non è la nostra. L’abbiamo usata come immagine del profilo su Facebook per un breve periodo. Poi qualcuno l’ha messa su Youtube, e ha pensato fosse l’artwork del disco! Spero che la compagnia abbia guadagnato qualcosa vendendo la maglia a persone che pensavano fosse legata alla band!

Credo che l’immagine del velociraptor abbia contribuito a rendere virale la nostra musica… è memorabile, cattura l’occhio, e più di qualcuno avrà cliccato per vedere cosa c’era sotto. Non so se identifica la nostra musica, noi non ci siamo mai presi sul serio, ma è bello che ci sia un riferimento alla scena che ha ispirato il nome Clever Girl (che viene da una battuta di Jurassic Park). Vorrei trovare chi ha disegnato la maglia, perché in un certo senso è ormai associata a noi, anche se noi non abbiamo niente a che fare con il disegno.

Come vi siete sentiti quando, come si può leggere sulla vostra pagina Facebook, “teenager emo dal Cile” hanno iniziato a diventare vostri fan attraverso YouTube? Sapete chi è stato il primo a mettere il vostro EP su Internet?

Non so proprio chi sia stato il primo. Non eravamo noi, lo abbiamo solo messo in free download sul nostro Myspace. Ci siamo accorti che stava andando molto bene su YouTube qualche anno dopo il nostro scioglimento. C’era un particolare video dell’EP che era arrivato quasi a un milione di visualizzazioni, caricato da un ragazzo giapponese che pubblicava un sacco di EP di band come la nostra. Il canale è stato cancellato per problemi di copyright, purtroppo. Sono dispiaciuto perché è quel video che ha costruito la nostra fanbase in tutto il mondo!

Penso che il momento in cui abbiamo rilasciato il nostro lavoro abbia coinciso con l’era in cui musica sconosciuta può diventare virale online grazie a cose come Youtube o Reddit. Non abbiamo fatto assolutamente niente per promuoverci. È stato straordinario vedere persone così diverse iniziare ad interessarsi alla nostra musica: dal Cile, dalla Russia, da Taiwan, e ricevere messaggi dai fan molto intensi, da ragazzi che sono stati toccati in maniera molto genuina dalla nostra musica. La mia preferita è la mail di un ragazzo che ci scrisse tramite Bandcamp dicendo solo “Ho preso 2 pasticche di acido e questo disco ha cambiato la mia vita“. L’ho contattato e mi ha raccontato quello che c’era dietro il messaggio, del periodo difficile che stava vivendo dopo la morte della sua madre e dei problemi con la sua relazione, e infine questa svolta emotiva avuta mentre ascoltava al nostro EP, in cui ha deciso di prendere in mano la sua vita. È stato incredibile e soddisfacente leggere il suo messaggio. Anche io personalmente ho avuto un periodo difficile intorno ai vent’anni. Mi ha sempre aiutato pensare che c’erano persone là fuori, in tutto il mondo, che ascoltavano la nostra musica e che potevano provare qualcosa di profondo e di rinfrescante per l’anima con il disco. Abbiamo messo il nostro cuore e la nostra anima nella musica, e sembra che almeno una parte di essa sia riuscita con successo a comunicare con la gente, anche senza le parole, il che è bellissimo.

Cosa stanno facendo i Clever Girl ora? Quali sono i vostri piani per il futuro?

Stiamo seguendo percorsi diversi individualmente, ognuno ha la sua carriera. È da poco nato mio figlio, e lavoro come organizzatore per Sunday Assembly, una chiesa laica. James gestisce un’elegante caffetteria. Luke è un analista dati, ed è un DJ (sono sicuro ami la vecchia discomusic italiana). Tom è un dottore e Duncan è un giornalista. Siamo tutti molto impegnati.

Vorremmo tornare insieme per fare alcuni show e per far uscire finalmente l’EP su vinile. Speriamo di farlo quest’anno, potrebbe accadere già a maggio. Restate sintonizzati! (ndr: finalmente il vinile è disponibile in preorder, per Barely Legal Records).

Interview: Lorenzo Guarnacci
English translation supervised by Francesca Sordini