680_57839bf30233c

Il jazz è vivo e sta bene: il quartetto Aziza al Bologna Jazz Festival

Martina D’amico ci racconta le sue impressioni sul concerto che si è tenuto due giorni fa all’Unipol Auditorium di Bologna nell’ambito del Bologna Jazz Festival. La all star band di Dave HollandChris PotterLionel Loueke ed Eric Harland ha incantato il capoluogo emiliano.

Sembra quasi surreale pensare di poter avere davanti agli occhi, nello stesso momento, quattro dei migliori jazzisti del panorama internazionale cimentarsi in composizioni originali; eppure Leggi tutto

4

Franz Samsa: l’arte e l’orgoglio di “fare” collage

Voglio presentarvi, dopo averlo incontrato in una umida e fredda serata milanese, Mirko Pugliara in arte Franz Samsa.
franz_samsaFranz è un collagista italiano che nasce nel 1982 a Siracusa. Si è formato all’Accademia delle Belle Arti di Bologna per poi iniziare a dipingere nel 2002. Nel 2014 inizia ad usare la tecnica del collage, facendola diventare una sua cifra distintiva molto forte. Alla fine del 2015 entra a fare parte del collettivo italiano “Oltre Collage”. Nel 2016 ha esposto i suoi quadri alla mostra Internazionale “Collagism, a Survey of Contemporary Collage” organizzata da Kolaj Magazine, presso il museo canadese di Strathroy. Inoltre ha collaborato con i più grandi artisti di collage del momento come André Bergamin (Brasile), Martin Carri (Argentina), Fred Free (Usa), Bill Noir (Francia).
Ecco chi è Franz Samsa, buona lettura a tutti e tutte:

Leggi tutto

deja-vu-09a-1000x666

La casa del déjà vu

#0

Luce.

Bianco abbacinante che ferisce i tuoi occhi. Disarmante senso di nudità e smarrimento. Non sai il tuo nome, né chi tu sei, e la sensazione che ti pervade completamente è la paura di cadere in un immenso vuoto.

Poi, mentre la luce si attenua rapidamente, si disegna ai tuoi occhi una scena suburbana nelle ombre della tarda sera. La tua mente si riaggrega, restituendoti memoria e coscienza del tuo sé.  Ti guardi intorno e ricordi cosa ti ha portato qui.

Leggi tutto

14195953_892243080908921_5992308176596689430_o

TOdays Festival 2016: le nostre impressioni (un po’ prima) di settembre

Grandi nomi per i tre palchi principali di via Cigna a Torino dove, il 26, 27 e 28 agosto scorso, si è tenuta la seconda edizione del “Todays festival”; John Carpenter, M83, ma anche Jesus and Mary Chain e Brian Jonestown Massacre.
Location inusuali e atmosfere new wave ci hanno accompagnato nel corso della tre giorni, per un evento decisamente underground.

todays-festival-torino-2016-1

Leggi tutto

avancesven20

L’ultimo boccone

Oggi al ristorante, quando nel piatto mi era rimasto ormai solo un pezzetto piccolo di filetto Black Angus al sangue, io pensavo.

Che le fini hanno un sapore diverso, sempre. Questo pensavo.

L’ultimo boccone di un piatto buono, pensavo guardando il pezzetto di carne davanti a me, è buono anche lui, ma, non c’è niente da fare, ha un sapore diverso, leggermente più amaro. Sarà che lo sai che è l’ultimo, che porta con sé questo senso ineluttabile di fine, mentre tutti quelli prima no. Questo pensavo, seduto al tavolo del ristorante.

Leggi tutto

il_nome_dell_album_e_i_misteri_del_sonno

Recensione de “Il nome dell’album è i misteri del sonno” – I Misteri del Sonno

il_nome_dell_album_e_i_misteri_del_sonno

Voce graffiante e chitarre taglienti sono la sostanza de “Il nome dell’album è i misteri del sonno”, disco d’esordio de “I misteri del sonno”.
A due anni dall’uscita del loro EP “L’uomo dell’anno”, dopo aver aperto i concerti di artisti del calibro di Skunk Anansie, Afterhours e Lo Stato Sociale, la band salentina si riaffaccia sulla scena indipendente italiana.
L’album è un manifesto di 10 tesi, 10 canzoni di aperta critica alla nostra società.

Leggi tutto

book_money

Quanto guadagna Rapsodia?

In questo articolo intendiamo chiarire ai nostri lettori la “politica commerciale” della nostra piccola realtà editoriale indipendente.

Dopo la prima esperienza in digitale, la redazione è stata concorde nel passare al formato “cartaceo”. Come fare? Non avendo a disposizione le risorse necessarie per rivolgersi a una tipografia, questo obiettivo sembrava sempre più simile a un miraggio. La soluzione (momentanea) del print on demand è stata adottata in quanto unica via praticabile. Costi prossimi allo zero, guadagni altrettanto prossimi allo zero.

Leggi tutto

Gianni_Denitto

Gianni Denitto: il musicista che gira il mondo in loop.

Abbiamo incontrato il sassofonista Gianni Denitto a Dakar, in Senegal, in occasione di una di quelle che lui stesso ama chiamare “residenze”. Ci hanno impressionato da subito il suo stile, la sua arte e la sua persona. Con la “call for artists” già avviata, trovandosi di fronte ad un one-man show di sassofono e loop machine, il collegamento con il tema delle “ripetizioni” è stato immediato e ha incontrato la totale disponibilità dell’artista torinese a confrontarsi con noi e con i nostri lettori.

Quale alchimia tiene insieme, nella tua musica, la fantasia creativa del sax e la ripetitività dei ritmi elettronici? Come si fondono le progressioni tipiche del Jazz con le loop station?

Leggi tutto

Vai sopra