Sera

Barbarici! I merletti santi

Barbarici! I merletti santi
(capitolati ai piedi dei letti
brulicanti di lenzuola gialline)
alla vista di ciò che si vede
non rimane che un piede e mi
basta mi basta – stendardi
siano fatti e malanni augurati
coi botti dei dardi lanciati
alle tre del mattino sul cuscino
del tuo viso piccino.

Riposa

la mia rabbia irosa la mia
mariposa setosa melmosa
incrostata in fondo alla sera
(penseranno di noi che siamo
aitanti militari stanchi –
di guerre imbastiamo i sogni
leggiardi che si fanno monti
irsuti e alti e nevose cime):
vammi e stammi e dammi
pietosamente fammi ma anche
restami e tastami e –
Vammi a prendere negli orifizi
negli interstizi nei resti dei vizi
lascia attraccare gli ormeggi
di tutti questi canti spenti

piantonerò la tua porta
di orchidee – sarò baccano
quieto,  ammarraggio disteso

Autore: Alma Spina
Cover artwork: Eleonora Capodiferro

Latest from Letteratura

copertina anselmi+

Correva

Correva, è caduta, si è accasciata sulle ginocchia e poi con le
Vai sopra