Category archive

Teen Town - page 2

Brani Celebri, Music Topics, Musicology, Promozione

ASSAPORATELA! / Anche a maggio siamo pronti con musica fresca!

fiume colorator

La fonte delle nuove uscite non smette mai di rinfrescarci (e qui potete ritrovare il mese di aprile, nel caso ve lo foste persi). Ponti su ponti non hanno fermato singoli, album ed EP dei nostri artisti preferiti.
Leggi tutto

Innamoratevi dei Fontaines D.C.!

fontainesdclp-960x960 (1)

Di album di debutto che grazie ad accenti marcatamente britannici cominciavano già col sapore di cieli plumbei la storia è piena, e i Fontaines D.C. potrebbero sembrare la naturale estensione in terra irlandese di questo cliché. L’onda lunga degli Shame e degli Idles (con cui, oltre a un amore per il caps lock, condivideranno un lungo tour a breve) ha esposto alle luci della ribalta questi 5 dublinesi, diligenti studenti della lezione post-punk. Un’ascesa fulminea li ha portati in soli 3 anni al loro debutto sulla lunga distanza, prodotto da Dan Carey, Dogrel. Leggi tutto

Di anti-folk, sadcore e lo-fi: tre evidenze per una primaverile malinconia musicale

tumblr_mq69vnOkHO1sztqweo1_1280

Ci sono, nella vita, dei mantra che non passano mai di moda. Tipo che non ci sono più le mezze stagioni – che poi, in realtà, se ne potrebbe discutere, in un’altra sede –, che morto un papa generalmente se ne fa un altro, o che nulla è certo, ma le tasse e la morte, quelle sì. Ecco, ce n’è poi un altro, che più vado avanti con gli anni, più mi rendo conto che non passerà proprio mai: Leggi tutto

Souvenir, i Cara Calma e il coraggio di essere rock in Italia nel 2019

5074-cara-calma-souvenir-20190216003819 (1)

Credo sia pacifico riconoscere che negli ultimi due anni, in Italia, il termine indie in ambito musicale (ma non solo) è generalmente sfuggito di mano. La playlist “Indie Italia” di Spotify, per dire, passa, nel giro di 45 brani, da Coez, a Myss Keta, ai Fast Animal Slow Kids, a Giorgio Poi, e si potrebbe andare avanti ancora un bel po’. Se da un lato si possono senz’altro trovare delle analogie in termini di background, di influenze musicale (fino a un certo punto) e di retorica nei testi, se facessi ascoltare a mio padre i quattro di cui sopra uno dopo l’altro, sono abbastanza convinto che non li inserirebbe mai nella stessa playlist. Leggi tutto

Siamo pronti a diventare fan di un’intelligenza artificiale?

z machines

Il 21 marzo, Google ha voluto celebrare il 334° anniversario della nascita di Johann Sebastian Bach (secondo il calendario giuliano) con uno dei suoi Doodle. Si tratta della prima alterazione del logo con un’intelligenza artificiale alle spalle in grado di gestire la sua funzione interattiva. Gli utenti possono infatti inserire due battute in loop di una semplice melodia, che verrà armonizzata con un contrappunto alla maniera di Bach generato dal software utilizzando il machine-learning. Leggi tutto

SCENARIO 001 / STUPIDAMUTAFORMA

stupidaOKcover

Quanto segue è il primo di una serie di esperimenti verbo-percettivi chiamati SCENARI, sviluppati a partire dalla primitiva interpretazione verbale di componimenti musicali senza l’intermediazione del pensiero razionale. Leggi tutto

PIANTATELA! / È sbocciata la playlist di aprile!

banane (2)

Siamo arrivati ad aprile: la primavera ha fatto sbocciare una playlist piena di canzoni adatte per le vostre scampagnate ai primi tepori dell’anno, pezzi da mettere in sottofondo mentre sorseggiate un aperitivo e preparate la brace a Pasquetta, brani per dire addio al mare d’inverno. (qui recuperate la playlist di marzo!) Leggi tutto

Guida ai Soulquarians in 3 atti

Screen-Shot-2018-01-30-at-8.18.21-AM

Nel caso dei Soulquarians è molto probabile che la fama del collettivo sia minore della somma delle sue parti. Il nucleo principale nasce intorno a quattro giovani musicisti agli sgoccioli del secondo millennio: Questlove, batterista incredibile, dj dalla conoscenza enciclopedica e dal gusto storiografico, produttore e fondatore dei Roots; James Poyser, suo collega nei Roots, tastierista con un background jazz e gospel di tutto rispetto; D’Angelo, cantautore della prima ondata neo-soul ed ex bambino prodigio del pianoforte; J Dilla, produttore leggendario, uno che non voleva assolutamente che i suoi beat fossero precisi al millesimo – di fatto uno dei primi nemici della quantizzazione – nonostante lavorasse sostanzialmente con materiale elettronico. Descritto da Questlove come “colui che ci ha fatto uscire dal deserto”, è stato un visionario senza alcun dubbio, tanto che il suo sequencer è tuttora conservato al Museo della Cultura Afroamericana di Washington. Leggi tutto

Manifesto Fest: quando l’elettronica strizza l’occhio all’arte

IMG_2105


50593772_2209666065962222_334662971236024320_o

La serata di venerdì del festival romano ci ha fatto assistere a spettacoli innovativi ed eclettici, accomunati da una visione dell’elettronica che mira a estendere tanto i canoni artistici del musicista quanto i limiti percettivi dello spettatore. Leggi tutto

Coma di Dino Fumaretto: il live report del concerto romano

a4243512552_10w

Dino Fumaretto porta in tour il suo ultimo album, Coma, in una veste ancora più cruda e potente, che tesa tra il serio e il faceto non preclude mai la possibilità del risveglio. Ad accompagnarlo Iosonouncane, il cui lavoro di arrangiamento zeppo di cori, veri e finti, catalizza su canali più melodici e morbidi l’estro nevrotico di Elia Billoni, “depositario e interprete” delle canzoni di Fumaretto. Leggi tutto

Vai sopra