Immagine evidenza. Copyright ©Caro Mantke

«Collage by Women» | Interview with the curator Rebeka Elizegi

The combination of art and woman is among the most controversial in the history of art, female names are hidden from male predominance in the pages of books, up to the claim of feminist artworks in the seventies. But in recent years grows the interest on the side of historians, critics and the public of art on rediscovering life and artworks of the protagonists who have changed or who are writing the history of art without gender exclusions. In the catalog «Collage by Women. 50 Essential Contemporary Artists» (Promopress, 2019), the artist and curator Rebeka Elizegi presents fifty international women artists who use collage, among the most experimental artistic techniques used since the late nineteenth century. This precious publication is an invitation to reflect on the creative possibilities of the practice of collage, whose importance was taken away from the history of art, but it is above all an important testimony of contemporary female art, from the emerging artists to the most known.

Copyright ©Malin Gabriella Nordin
Copyright ©Malin Gabriella Nordin

In the introduction to the catalog, you share the main purpose of the publication: “Placing the spotlight on women artists, who have been overshadowed by a history of art that has always been written by men (…)”.

In fact,  the main objective of this book is to pay tribute to women artists, who were overshadow by a history of art that has always been written by men, when women have in fact always contributed cultural value that has enriched society as a whole. I personally had the fortune to grow up in an environment in which I was educated not as a “girl” but as a “free person.” I was always encouraged to defend my space, my views and my personal choices, and this further enhanced my creativity. However, unfortunately, the reality faced by many other women has been and continues to be very different. In a hypothetical egalitarian society (which, unfortunately, we do not live in), I wouldn’t have felt the need to propose this book, as if there were a balanced coexistence of genders, we would all, without hierarchies or subjugation, work and contribute value in an identical manner, in both the arts and other walks of life. Through the artworks of these fifty contemporary women artists and their different ways of understanding and practising collage as an artistic expression, this book reveals a diverse, intergenerational and international reality of women who work intensely.

What was your personal experience as a woman and an artist?

In my own case, I think that my being a woman has not shaped my career, neither as a graphic designer nor as an artist. At least, I am not aware that it has done so. However, and as we said before, it’s clear that the same is not true for many other women, and this is something that we must solve collectively as a society, men and women, in order to achieve an equality that is real and not just theoretical, both in the art world and in the rest of everyday life.

Copyright ©Rebeka Elizegi
Copyright ©Rebeka Elizegi

In the collage world, the artistic community seems different from the rest of the competitive artistic circuit. Artists collaborate and work together for collective artworks; it seems that there is a free creative confrontation without prejudice.

I really believe that this happens, and it’s one of the characteristics that I like to belong to that great collage family. Around the world, collage artists come together, communicate, exchange opinions and give light to other colleagues. This is the intention of my book as well, to give light to the work of other women collagist, to give a collective and vindicating impulse to our work, each one from its style, its reality and its own ideas.

In Collage by Women, the artist and cultural promoter Blanca Ortiga writes: “[…] collage has been pushed to the background in both art history and the art market”. Therefore, the criticism is not only about the inadequate promotion of female artists but also of the collage itself as artistic language.

Indeed, the claiming intention of this book is twofold. On the one hand, it vindicates women as artists and on the other hand, claims collage as an artistic discipline more in the context of contemporary art. In her introductory text Blanca Ortiga also says: “Women artists have been doubly excluded: on one hand, by inequalities in political, social and economic structures’ productive conditions and, on the other, by the conditions particular to the art world, where it is not just production criteria that have been colonized, but also the way in which the world is looked at and value is attributed”.

interno

What changes do you desire for the future of art?

I would like the future of art to be a more open space, one that does not discriminate based on race, social class or gender. Above all, allowing alternative ways of looking at artists. We live in a society that is full of patterns that confine us, Capitalism doesn’t help to be free, and in which everything is prefabricated for us, including even ideas. Suggesting alternative ways for viewers to look at things and disquieting, challenging and provoking them, whether this is done through collage or any other artistic discipline, is a healthy way to combat the intellectual alienation that we are subjected to. It lets us assert each individual’s personal judgement as an indispensable pillar of a free and responsible society.

Who are your female references in art history?

Although they are not popular, there have been many women who are referents in the art world, and specifically in the world of collage. Of course Hannah Hoch, first surrealist woman, a reference figure in the world of collage and general art, in a time and a country (Germany) in which she broke molds and stood out for her daring, and also Grete Stern, Toshiko Okanoue, Barbara Kruger, Wangechi Mutu, all the women in this book, and many more! At this point, I would like to emphasize that choosing these fifty artists has been a very complex process, as we would need many more pages to demonstrate the magnitude of the current reality, which is much larger and more varied than what is presented in this book. But unfortunately, like any publication, this one also has its limitations, and as we all know, selecting always implies excluding.

What is your advice to women who are taking their first steps into the world of art?

First of all, I would tell them to investigate, give themselves in their work, work very hard and also defend their place! And I hope that the artists in this book will inspire them! Women with diverse backgrounds, ages, experiences, careers and styles, but united all of them by the passion for collage and a constant search for a new, solid and personal language for engaging the world in dialogue.

Featured image by Caro Mantke

BOOK COVER

Collage by Women. 50 Essential Contemporary Artists
Cover image: Rozenn Le Gall
Editor: Promopress Editions
www.promopresseditions.com
Curator: Rebeka Elizegi
www.rbkcollage.com
Introduction: Blanca Ortiga
Book trailer: https://youtu.be/w5gDjVv8haI

 

VERSIONE ITALIANA

Il binomio arte-donna è tra quelli più controversi nella storia dell’arte, i nomi femminili sono stati nascosti dalla predominanza maschile nelle pagine dei libri, fino alla rivendicazione delle opere femministe negli anni Settanta. Mentre negli ultimi anni cresce l’interesse da parte di storici, critici e dello stesso pubblico dell’arte di riscoprire la vita e le opere dei protagonisti che hanno cambiato o che stanno scrivendo la storia dell’arte, senza esclusioni di genere. Nel catalogo Collage by Women. 50 Essential Contemporary Artists (Promopress, 2019), l’artista e curatrice Rebeka Elizegi presenta cinquanta artiste internazionali che utilizzano il collage, tra le tecniche artistiche più sperimentali utilizzate dalla fine del XIX secolo. Questa preziosa pubblicazione è un invito a riflettere sulle possibilità creative della pratica del collage, la cui importanza è stata sottratta alla storia dell’arte, ma è soprattutto un’importante testimonianza dell’arte femminile contemporanea, dalle artiste emergenti alle più conosciute.

Nell’introduzione al catalogo condividi lo scopo principale della pubblicazione: “Puntare i riflettori sulle donne artiste, che sono state messe in ombra da una storia dell’arte che è sempre stata scritta da uomini (…)”.

In effetti, l’obiettivo principale di questo libro è rendere omaggio alle artiste donne che sono state messe in ombra da una storia dell’arte che è sempre stata scritta da uomini, quando le donne hanno sempre contribuito con un valore culturale che ha arricchito la società nel suo complesso. Personalmente ho avuto la fortuna di crescere in un ambiente in cui sono stata educata non come una “ragazza” ma come una “persona libera”. Sono sempre stata incoraggiata a difendere il mio spazio, i miei punti di vista e le mie scelte personali, e questo ha ulteriormente migliorato la mia creatività. Ma sfortunatamente, la realtà affrontata da molte altre donne è stata e continua ad essere molto diversa. In un’ipotetica società egualitaria che, sfortunatamente, non viviamo, non avrei sentito il bisogno di proporre questo libro. Come se ci fosse un’equilibrata convivenza di generi, potremmo tutti, senza gerarchie o sottomissioni, lavorare e contribuire al valore in maniera identica, sia nelle arti che in altri ambiti della vita. Attraverso il lavoro di queste cinquanta donne contemporanee e dei loro diversi modi di intendere e praticare il collage come espressione artistica, questo libro rivela una realtà varia, intergenerazionale e internazionale di donne che lavorano intensamente.

Quale è stata la tua personale esperienza come donna e artista?

Nel mio caso, penso che il mio essere donna non abbia plasmato la mia carriera, né come grafico né come artista. Almeno, non sono a conoscenza del fatto che lo abbia fatto. Tuttavia, come abbiamo detto prima, è chiaro che lo stesso non è vero per molte altre donne, e questo è qualcosa che dobbiamo risolvere collettivamente come società, uomini e donne, al fine di raggiungere un’uguaglianza reale e non solo teorica, sia nel mondo dell’arte che nel resto della vita di tutti i giorni.

Nel mondo del collage, la comunità artistica sembra però differente dal resto del circuito artistico competitivo. Gli artisti collaborano e progettano opere collettive, e sembra che esista un confronto creativo libero e senza pregiudizi.

Credo davvero che ciò accada, ed è una delle caratteristiche per la quale mi piace appartenere alla grande famiglia del collage. In tutto il mondo, i collagisti si incontrano, comunicano, scambiano opinioni e danno luce agli altri colleghi. Questa è anche l’intenzione del mio libro, di dare luce al lavoro di altre donne collagiste, di dare un impulso collettivo e vendicativo al nostro lavoro, ognuno con il suo stile, la sua realtà e le sue idee.

L’artista e promotrice culturale Blanca Ortiga, scrive in Collage by Women: “(…) il collage è stato spinto sullo sfondo sia nella storia dell’arte che nel mercato dell’arte”. Dunque la critica non riguarda solo la scarsa valorizzazione delle artiste ma anche del collage stesso come linguaggio artistico?

In effetti, l’intenzione di questo libro è duplice: rivendica le donne come artisti e sostiene il collage come una disciplina artistica nel contesto dell’arte contemporanea. Nel suo testo introduttivo, Blanca Ortiga dice anche: “Le artiste donne sono state doppiamente escluse: da un lato, dalle disuguaglianze nelle condizioni produttive delle strutture politiche, sociali ed economiche e, dall’altro, dalle condizioni particolari del mondo dell’arte, dove non sono solo i criteri di produzione che sono stati colonizzati, ma anche il modo in cui il mondo viene guardato e il valore è attribuito “.

Quali cambiamenti desideri per il futuro dell’arte?

Vorrei che il futuro dell’arte fosse uno spazio più aperto, che non discrimini sulla base della razza, della classe sociale o del genere; e soprattutto, che consenta modi alternativi di guardare gli artisti. Viviamo in una società che è piena di schemi che ci limitano, il capitalismo non aiuta a essere liberi, e in cui tutto è prefabbricato per noi, comprese le idee. Suggerire modi alternativi agli spettatori di guardare le cose e inquietarli, sfidarli e provocarli, sia che ciò avvenga attraverso il collage o qualsiasi altra disciplina artistica, è un modo sano per combattere l’alienazione intellettuale a cui siamo sottoposti. Ci permette di affermare il giudizio personale di ogni individuo come un pilastro indispensabile di una società libera e responsabile.

Chi sono i tuoi riferimenti femminili, nella storia dell’arte?

Anche se poco conosciute, ci sono state molte donne referenti nel mondo dell’arte, e in particolare nel mondo del collage. Certamente Hannah Hoch, prima donna surrealista, una figura di riferimento nel mondo del collage e dell’arte generale, in un tempo e in un paese (Germania) in cui ha rotto gli stampi e si è distinta per il suo coraggio, e anche Grete Stern, Toshiko Okanoue, Barbara Kruger, Wangechi Mutu, tutte le donne in questo libro e molte altre! A questo punto, vorrei sottolineare che la scelta delle cinquanta artiste è stata un processo molto complesso, poiché avremmo bisogno di molte più pagine per dimostrare la grandezza della realtà attuale, che è molto più ampia e più varia di quanto viene presentato in questo libro. Ma sfortunatamente, come ogni pubblicazione, anche questa ha i suoi limiti e, come tutti sappiamo, la selezione implica sempre l’esclusione.

Quale è il tuo consiglio alle donne che stanno facendo i primi passi nel mondo dell’arte?

Prima di tutto, direi loro di indagare, darsi da fare nel loro lavoro, lavorare molto duramente e difendere anche il loro posto! E spero che le artiste di questo libro le ispirino, donne con background, età, esperienze, carriere e stili diversi, ma unite tutte dalla passione per il collage e dalla costante ricerca di un linguaggio nuovo, solido e personale per coinvolgere il mondo nel dialogo.

Immagine in evidenza di Caro Mantke.

Collage by Women. 50 Essential Contemporary Artists
Copertina: Rozenn Le Gall
Editore: Promopress Editions
www.promopresseditions.com
 Curatrice: Rebeka Elizegi
www.rbkcollage.com
Introduzione: Blanca Ortiga
Book trailer: https://youtu.be/w5gDjVv8haI

Latest from Arte

Vai sopra