• Instagram
  • Vimeo
  • Facebook
  • Pinterest
  • Instagram
  • Vimeo
  • Facebook
  • Pinterest
  • Rapso

La voce dell'innocenza

Era la voce dell’innocenza, l’elegia della verità, l’apologia del più alto sentire.


Ma l’hanno zittita con gesti insofferenti e di rabbia. L’hanno percossa e abbandonata sul ciglio, rotolata sui massi, ingiuriata la memoria, mistificati la tradizione e il ricordo.


L’hanno torturata e abbandonata sul ciglio, lungo una strada a scorrimento veloce che si allontana dalla città. Lungo quella strada, accaldata di polvere e sfiancata dalla miseria, hanno sperato che su quella curva, la velocità delle auto in corsa, aliene e distratte, potesse abradere il sangue e gli anni spezzati, gli anni verdi spezzati.